La rinvigorente procedura dell’Udvartana

L’udvartana è una delle forme del famoso massaggio ayurvedico del Kerala, che implica il massaggio del corpo attraverso l’utilizzo di Ubtan, una miscela composta da diverse erbe naturali e grani.
Esso è una specie di scrub, una frizione non energetica che utilizza, a differenza di altri massaggi, le polveri a secco o una pasta che viene preparata utilizzando cereali ed erbe varie, anziché l’olio o qualsiasi tipo di liquido, selezionate per ottenere vantaggi terapeutici.
Non si tratta, quindi, di un vero e proprio massaggio pressorio ma piuttosto di una frizione che sviluppa calore e che rende il corpo liscio procurando un beneficio di stabilità.
Questa terapia è indicata per le persone con squilibrio di Kapha dosha, dove per “squilibrio” si intende accumulo, quindi il motivo per cui non si usano oli è perché il cliente non ha necessità di nutrimento ulteriore. Le polveri invece assorbono e quindi riducono la materia.

Quali sono i suoi benefici?

La terapia di Udvartana è utile per:

  • alleviare i disturbi scheletrici e le anomalie muscolari;
  • è un vero toccasana nella riduzione del grasso corporeo, soprattutto quello presente nei tessuti subcutanei del corpo, dell’addome e dell’interno coscia (soprattutto di quello femminile);
  • Riduce Kapha e riequilibra Vata;
  • Dona un senso di leggerezza;
  • Favorisce il metabolismo;
  • È utile in caso di diabete;
  • Dilata i pori della pelle;
  • Ripulisce le ghiandole sudorifere;
  • Elimina i cattivi odori;
  • Riattiva la circolazione;
  • Migliora la carnagione rendendo la pelle morbida;
  • Ottimo in caso di cellulite;
  • Dona stabilità agli arti;
  • È utile in alcuni casi di anoressia;
  • Cura i pruriti.

Oltre ad essere efficace nel ridurre i grassi, Udvartana migliora anche la circolazione linfatica del corpo; è quindi utile in caso di necessità di drenaggio linfatico. Altra particolarità, non meno importante, esso aiuta a rinfrescare il corpo e la mente.

Come funziona Udvartana?

Udvartana è una terapia ayurvedica che viene usata per rimuovere le tossine dal corpo; la pasta a base di erbe viene applicata su tutto il corpo del paziente e lo sfregamento avviene una volta che essa si è seccata. L’operatore strofina la pasta lentamente sul corpo, partendo dai piedi e salendo.
L’udvartana è, infatti, l’unico trattamento che si opera in pratiloma (direzione opposta ad anuloma, il verso del pelo, ma più precisamente la propria corretta direzione), perché va ad agire sul sistema linfatico, riattivando i canali di circolazione.
Esiste un altro modo di praticarlo, ovvero spalmando il cliente di olio per evitare eventuali arrossamenti; quando è fatto a secco si chiama Rucsha (ruvido) e l’olio utilizzato è lo Snigda.
È consigliabile ricevere il trattamento in cicli da 3, 5, 7, 9, 14 o 21 trattamenti; la loro durata è solitamente di 45 minuti.
Non è consigliato nei casi di forte debilitazione e durante la digestione, non si esegue mai in presenza di malattie della pelle come eczemi e psoriasi e in concomitanza con il ciclo mestruale, febbre ed a meno di sei mesi di distanza da un intervento chirurgico.


 

Contattami

mail

scrivici su iltempiodimurugan@gmail.com

phone

oppure chiamaci allo 393 337 8495

Alberto Orlandi

Copyright © 2022 Media Service Italia SEO & Web Design by Media Service Italia. Hosted by Media Hosting Italia